• Uncategorized

    La penna. Un’arma

    La penna diventa arma se le parole trascritte feriscono . La penna diventa lama se le parole infliggono dolore. La penna diventa fucile se chi scrive giudica con offesa. La penna diventa arma se chi scrive non conosce umiltà. La penna non è messaggio se colpisce senza possibilità di difesa. La penna non è poesia se aggredisce i suoi lettori. La penna non è condivisione se tu che scrivi laceri l’anima di chi legge.

  • Uncategorized

    Un’anima nuda

    Ho trovato la bellezza nella quotidianità fatta di semplicità. Era lì, tra un cielo terso illuminato dal sole e una serata sul divano, con una birra e qualche amico. Ho trovato la forza per affrontare le sfide in quello sguardo deciso che scorgo tra la pagine di un libro che non ho ancora letto, ma che ho già vissuto. Ho trovato la dolcezza di un attimo, nell’ora più difficile della mia vita, quando tutto sembrava perduto. Ho raccolto la confusione e l’ho trasformata in energia per realizzare i miei sogni. Ho messo tutto in disordine, perchè solo tra quello scompiglio c’era la mia logica. Ho letto parole che mi hanno…

  • Uncategorized

    RECENSIONE: Lettera a un bambino mai nato – Oriana Fallaci

    E’ inevitabile pensare che la donna, in quanto tale, sia sinonimo di vita. E’ pensiero comune che tutte le donne, proprio perché portatrici di nuova vita, abbiamo come desiderio fondamentale comune quello di procreare. E’ veramente così? Abbiamo tutte l’istinto materno?“Lettera a un bambino mai nato” di Oriana Fallaci, è uno di quei testi profondi che lasciano il segno, di quelli che ti spingono a riflettere e a mettere a nudo ogni tua più intima emozione. Un libro che non è un libro. Un romanzo che non è un romanzo. E’ assolutamente qualcosa di più. Forse perché da donna, la lettura di questo monologo ha colpito un aspetto della mia…

  • Uncategorized

    Gli innamorati come noi…

    Scusa se è presto per un “Ti amo”Ma sto esplodendo di amore.È troppo buio per restare da soliIn fondo al tunnel, la mia luce… Tu.Un brivido che percorre la schienaLa sensazione di sentirsi a casa, dopo un lungo vagabondareLa paura che si tramuta in gioia quando mi prendi per mano… Tu. La folla grida mentre il sole sorgeE nel silenzio del mio cuore irrompe un abbraccio caloroso che mi riporta indietro:A quando tutto era così semplice e bastava un bacio per fare paceA quando la lontananza era una lama che infliggeva un dolore acuto e insopportabileA quando tutto il resto era noia se non c’eri Tu.

  • Uncategorized

    In viaggio

    Quando viaggio mi piace sempre guardare fuori dal finestrino. Ammirare il panorame, contemplare la natura, estraniarmi da tutto ciò che mi circonda e racchiudermi nei miei silenzi, nei miei pensieri.Se il mondo potesse fermarsi in quell’istante, lascerei tutto cristallizzato. O schiaccerei il pulsante del rallentatore, e scenderei dal treno. Mi siederei in mezzo alla natura. È lì che c’è il mondo intero. In quel contatto silenzioso tra tempo e spazio, tra incerto e sicurezza, paura e coraggio.Corriamo, corriamo e tutto si appiattisce.I rapporti, i sogni, le amicizie, i desideri.Se ci fermassimo un attimo ad assaporare la vita, i sapori dei dolori, dei dispiaceri non sarebbero così amari.E allora schiaccio il…

  • Uncategorized

    L’ultimo mese dell’anno

    Dicembre, caro Dicembre, giungi così , grigio, spento e uggioso, come il mio animo. Non hai forse tutte le colpe, ma la malinconia mi accompagna ormai da molti mesi. Non hai forse tutte le colpe, e quando arrivi , un po’ mi devasti, perchè mi costringi a quei bilanci a cui, già troppo spesso, mi accingo a fare. Non ne esco mai vincente, perchè sono così: non mi perdono mai, non mi do mai tregua. Una mia amica, un paio di giorni fa, mi ha scritto: “a volte sei troppo dura con te stessa… non ti fai passare nulla”. Ed è così, mi colpevolizzo spesso, mi arrabbio con me stessa…

  • Uncategorized

    L’ultima magia

    Pungeva il freddo in una notte solitaria, mentre il suo viso riposava di un riposo di un bambino. Correvano le lancette e il sogno di una vita scivolava nel cassetto dei desideri. Giungeva il sole, albeggiava, quando il risveglio del guerriero scrollò via anche l’ultimo stralcio di mangia.