• Uncategorized

    Recensione “Emozionati e vivi” di Giusy Schiavello

    Buongiorno amici di penna, in questo ultimo venerdì di Agosto, grigio e nuvoloso, voglio farvi compagnia con la recensione di una raccolta di poesie scritte da Giusy Schiaviello, intitolata “Emozionati e vivi“. La raccolta si apre con questa dicitura molto profonda: “Le emozioni sono l’essenza della vita stessa…” e allora emozioniamoci. All’interno vi sono otto poesie, ognuna pone spunti di riflessione sulla vita, sulla quotidianità, sull’amore. Per un mio gusto stilistico, avrei scelto di lasciare per ultima quella dedicata alla Calabria, giusto per dare un filo logico conduttore ed emotivo che collegasse le varie opere. Non tutte le poesie possono considerarsi tali, alcune non rispettano lo schema metrico e una…

  • Uncategorized

    Giorni grigi

    Nei giorni grigi come questi, dove la luce filtra opaca attraverso le nuvole, appare tutto più piatto del solito, come se fossimo intrappolati in un cerchio senza sbocchi. Giriamo in tondo, in questa vita, affrettati nei nostri passi, alla ricerca smaniosa di qualcosa che non ci appaga mai totalmente. Ingolositi da una fame di ricchezza, di conquista che ci lascia sempre con la bocca asciutta. Non siamo mai sazi. Oggi, tanto per cambiare, in questi colori che non sono nè bianco nè nero, le nostre azioni si compiono un po’ a rallentatore: il barista porge lentamente la tazzina di caffè al suo cliente abituale, il fruttivendolo che pulisce i cavoli…

  • Uncategorized

    L’autocelebrazione di un folle

    Ehi tu, immobile sui tuoi passi fosti allarmato dal tempo che passava e piangesti lacrime di dolore nel guardare il moto del mondo. Nel silenzio, il tuo sussurro perso tra grida inascoltate, ti aggrappasti all’ancòra di una nave vecchia. Tu, che ti inginocchiasti sul marmo freddo e a gattoni, sanguinante e sofferente, riprendesti il tuo cammino. L’ancòra ti trascinava e le mani si indurivano, le paure aumentavano e tra calci e pugni, tra sorrisi e follie, tra solitudini e compagnie portasti a compimento il tuo destino. Nella foga degli ultimi sforzi, gettasti lo sguardo alle tue spalle e l’ancòra arrugginita l’abbandonasti nel cammino. Piangesti ancora , ridesti ancora, e ancora…

  • Uncategorized

    Guerre Emotive

    E sei lì immobile, tra un pensiero e l’altro. Tra un bisogno di fuggire via e uno di restare qui a combattere. Con la paura. Quell’emozione a volte così invalidante che ti inchioda a un destino che non hai scelto o semplicemente lontanamente immaginato. Quell’emozione che invece nei momenti più inimmaginabili ti fa da carica, da molla esplosiva che ti spinge ad affrontare il mondo intero.Eppure, nonostante lei, nonostante la più improbabile scelta, ti crogioli in finti torpori che ti scaldano in superficie e ti lasciano il gelo dentro. È più facile vivere così. È più semplice dare la colpa agli altri, al karma, a un Iddio qualunque. È dannatamente più…