Narrativa

L’ultimo sorso

Viso scarno, occhi lucidi che bramano vita, ma si chiudono per la stanchezza di una malattia subdola.

Si insinua nella mente come un tarlo e scava.

E scava, e scava, fino ad arrivare al cuore.

Resta lì.

E mentre il corpo si consuma tanto da ridursi a poche ossa, la vita scivola lentamente via e le labbra si schiudono per un ultimo bacio di addio.

2 commenti

  • Erica

    Salve, ho potuto piacevolmente notare che anche a lei piace scrivere poesie, anche io ho un sito wordpress sul quale faccio lo stesso, se ti incuriosisce, puoi andare un’occhiata e se ti piace, spuntare il like e il follow, grazie per avermi letta e buona giornata

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: