• Uncategorized

    Senza abiti

    Quando non si ha nulla da dire o da scrivere, c’è il silenzio. Meglio tacere e non parlare di cose che non hanno senso. Scrivere è un’arte che nasce da dentro, che spinge a uscire dal proprio animo, quando con forza, determinazione e voglia, vuole gridare qualcosa al vento.  Scrivere è il sussurrare beato che accarezza il cuore. Scrivere è l’urlo di un terremoto che si vive dentro. Scrivere è mettersi a nudo.

  • Uncategorized

    L’autocelebrazione di un folle

    Ehi tu, immobile sui tuoi passi fosti allarmato dal tempo che passava e piangesti lacrime di dolore nel guardare il moto del mondo. Nel silenzio, il tuo sussurro perso tra grida inascoltate, ti aggrappasti all’ancòra di una nave vecchia. Tu, che ti inginocchiasti sul marmo freddo e a gattoni, sanguinante e sofferente, riprendesti il tuo cammino. L’ancòra ti trascinava e le mani si indurivano, le paure aumentavano e tra calci e pugni, tra sorrisi e follie, tra solitudini e compagnie portasti a compimento il tuo destino. Nella foga degli ultimi sforzi, gettasti lo sguardo alle tue spalle e l’ancòra arrugginita l’abbandonasti nel cammino. Piangesti ancora , ridesti ancora, e ancora…

  • Uncategorized

    La testa tra le nuvole

    Quando c’è il sole, esco. Il problema non sono le nuvole, la pioggia o il freddo. Il problema del restare chiusi in casa risiede nell’opacità di giornate ripetitive che si susseguono senza armonia o stimoli. Quando c’è il sole, esco. Eppure nonostante il calore sulla pelle, l’azzurro limpido del cielo uscire non fa la differenza se il tuo animo resta ugualmente spento. La differenza sta nel tuo spirito. Anche un giorno di pioggia può regalarti un’emozione o insegnarti una lezione di vita. Anche se c’è il sole non è detto che sia un giorno migliore. Le condizioni climatiche risiedono, per lo più, nella nostra testa. Quando piove, io esco.

  • Uncategorized

    Solitudine

    La solitudine non è sempre un male. Spesso stare soli significa confrontarsi con se stessi, mettere su un piatto le proprie paure. La solitudine è come premessa a un nuovo libro. E’ la fase che sembra di stallo, ma nulla è così fermo come appare. La solitudine è evoluzione, è costruzione, è cambiamento. E come ogni cambiamento, ne siamo spaventati. Per questo la solitudine ci disarma. Non dobbiamo averne paura.