• Uncategorized

    Rinascita

      E’ più semplice credere che il tempo sia un rifugio in cui nascondersi. Come bolle di sapone che muiono in pochi istanti, così spazzo via i puzzle di un’esistenza che poco mi appartiene. Cos’è la rinascita se non la presa di coscienza di ciò che non si vuole più essere?  

  • Uncategorized

    Oltre le memorie

        E mi ricordo ancora, di quel bacio rubato tra i corridoi di scuola… Di quei giorni che ci vedevano ancora bambini mentre i nostri sogni sapevano già di “grandi”, con le paure delle emozioni nuove, perse tra i miei sguardi di amore e i tuoi abbracci appassionati… E mi ricordo ancora, quelle corse in motorino, stretti l’uno all’altro a cercare un angolo che fosse solo nostro, per tenerci stretti e raccontarci di noi con quella voglia di non smettere mai di parlare, di sentire le nostre voci denudarsi dei peccati già compiuti. E mi ricordo ancora, delle orme lasciate lungo il bagnasciuga, nel rincorrenci per poi cadere sulla…

  • Uncategorized

    L’autocelebrazione di un folle

    Ehi tu, immobile sui tuoi passi fosti allarmato dal tempo che passava e piangesti lacrime di dolore nel guardare il moto del mondo. Nel silenzio, il tuo sussurro perso tra grida inascoltate, ti aggrappasti all’ancora di una nave vecchia. Tu, che ti inginocchiasti sul marmo freddo e a gattoni, sanguinante e sofferente, riprendesti il tuo cammino. L’ancora ti trascinava e le mani si indurirono, le paure aumentavano e tra calci e pugni, tra sorrisi e follie, tra solitudini e compagnie portasti a compimento il tuo destino. Nella foga degli ultimi sforzi, gettasti lo sguardo alle tue spalle e l’ancora arrugginita l’avevi abbandonata nel cammino. Piangesti ancora , ridesti ancora, e…

  • Uncategorized

    L’ultimo sorriso

      Sfumava la vita nell’infrangersi contro il tempo ormai scaduto e si perdava il respiro contro un vetro di emozioni assopite.   Si scaldava attraverso il ricordo suo più bello  mentre l’ultima lacrima solcava la ruga del sorriso più longevo.   E si abbandò all’eterno riposo.

  • Uncategorized

    La brezza del vento

      Sii come una foglia catturata dal vento, liberati di ogni schiavitù e vola di posto in posto. Sii come una farfalla, posati su ogni fiore e catturane l’essenza. Vivi di colori e magie. Di suoni e poesie. Lasciati guidare dal vento…

  • Uncategorized

    Rosso sangue

          Il vento trascina via le foglie in una calda domenica di piena estate per portare scompiglio nel cielo azzurro incontaminato di nuvole. Il vento confonde i profumi del mare  con quelli della terra  e, tra sabbia e petali di fiori, nasconde l’essenza della stagione estiva. Il vento rimescola le tue emozioni. Ero tua. Tu eri mio. Lei…  Il vento trascina via le foglie in una calda domenica di piena estate per portare scompiglio nel cielo che si tinge di rosso. Colore della passione. Colore della vendetta. Colore del sangue. Nella disperazione per averti perso, la mia mente si ribella al cuore  e prende il sopravvento. L’insano gesto…

  • Uncategorized

    Raggi d’amore

    Il sole insegue la luna, muore ogni sera tra le braccia azzurre del mare. Si spegne lentamente. Con lo sguardo rivolto verso il cielo un ultimo raggio di luce per dirle addio. Fugge via nell’oscurità nella solitudine di un cielo senza stelle, la luna. E nell’attesa di rivedersi ancora insegue il sole. Lo attende per un attimo fugace di amore. E sopravvive per quel saluto dolce e amaro per poi dissolversi nella luce. E fugge ancora via.  In uno spazio che non ha visibilità, In un tempo che non ha ore. Nel continuo cercarsi e perdersi vivevano l’uno nell’attesa dell’altro.

  • Uncategorized

    Come un vetro frantumato

    Dormiva tra le braccia di un corpo che aveva appena conosciuto, illudendosi che quella stretta fosse l’inizio di un abbraccio che sarebbe durato per l’eternità. Quando si svegliava, come un libro già letto milioni di volte, realizzava che quello era solo l’inizio della fine. Una fine che si allunga di notte in notte, con la speranza che, da qualche parte, in qualunque abbraccio, anche in quello più freddo, potesse riconoscere ciò che era. Si era smarrita molte volte, anzi riteneva di non aver mai visto la vera parte di sé. Era arrabbiata con il mondo intero, con la sua famiglia, con la strada che calpestava tutti i giorni. Era arrabbiata…