• Uncategorized

    La solitudine che fa bene al cuore.

    In un angolo, a piangere le lacrime che ho stretto nel mio corpo a lungo, e scivolano via da me. Fanno male come se mi pugnalassero al cuore ripetutamente. E vanno via, come se fosse l’addio che non ti ho dato. E vanno via, come se fosse l’ammissione di un fallimento. Si frantumano i sogni perchè distruggo i cassetti. In un angolo, a tirare pugni contro il muro per sentire ancora un po’ di dolore. Fanno male le mani, fanno male le dita perchè il mio corpo grida ancora vita mentre la mia mente vuole solo morire. Ti aggrappi a un pensiero, al ricordo di quelle vite… Ti aggrappi a…

  • Uncategorized

    Siamo gregge

    La nostra vita è tutta una grande pubblicità. Non siamo più persone ma target da conquistare. Non siamo più persone ma numeri da accumulare. Non siamo più identità ma corpi similari. Non siamo più anime ma involucri di cui beffarci.

  • Uncategorized

    L’incompiuto

    Come è possibile pensare che un cielo terso possa macchiarsi di paure? Come è possibile desiderare che muti il sogno per paura di cadere? Come è possibile camminare di notte mentre il buio si accende di ricordi? Immagina di volare, per una volta. Immagina di poter guardare il mondo dall’alto. Cosa vedresti? Cosa vorresti vedere? Null’altro che te, che ammiri la limpidezza dell’infinito. Null’altro che te, che vivi il tuo sogno. Null’altro che te, mentre balli di notte sulla note di quella canzone di dieci anni fa.

  • Uncategorized

    Macerie

    Acqua che passa sotto i ponti, come a lavar via la sporcizia della città… Nascosti tra scogli e rami, i sogni faticano a uscire, come se viver e prender forma fosse la smaterializzazione della propria essenza. Ah! Se tutto fosse semplice, come appare nei film. Ah! Se non avessimo vergogna di mostrare noi stessi, o se avessimo abbastanza pudore da celare certi angoli. Come vento freddo, in una notte già gelida. Come un sole che colora il cielo, ma non riscalda. Come i versi di una poesia che non comprendiamo. Il fuggir via dai vicoli più inimmaginabili del nostro essere, ci porta in luoghi che non vorremmo visitare, tra una…

  • Uncategorized

    Inerme

    Vorrei avere la forza di rompere quei fili e non avere paura. Vorrei avere la forza di dire basta e rinascere. Vorrei avere la forza di combattere, di reagire. Ciò che è meglio per me, l’ho capito. Lottare per averlo, è la battaglia più ardua da affrontare. E mentre mi crogiolo nell’apatia, nella paura, il tempo passa e i giorni si accumulano. Così diventa più arduo allontanarsi. Preda di sentimentalismi, che ormai sono solo fini a se stessi, mi lascio andare… Mi lascio travolgere dalla corrente, senza combattere, senza nemmeno rendermi conto di dove mi sta conducendo. L’apatia… lo stato d’animo peggiore. Vorresti fare, costruire, smontare palazzi… e non ne…

  • rubrica letteraria

    Il mio girotondo di emozioni di Elenia Stafani

      Salve amici di penna. Eccoci qui, con la nostra rubrica settimanale a presentarvi la raccolta di poesie e pensieri intitolata “Il mio girotondo di emozioni” dell’autrice Elenia Stefani. Potete contattare l’autrice qui: FACEBOOK INSTAGRAM LINKEDIN PINTEREST Per l’acquisto del libro possote scrivere direttamente in privato sui social o una mail a info@eleniastefani.com Oppure: http://www.tarantola.it/casaeditrice_scheda.asp?ID=5157 A seguire la nostra intervista. “UN LIBRO NON SI GIUDICA DALLA COPERTINA… O FORSE Sì?” Come è nata la cover del tuo libro? È frutto della tua immaginazione o, nel caso il libro sia legato a una CE, hai collaborato con chi ha progettato la copertina del tuo romanzo? Il mio libro è edito da…