• Uncategorized

    Fiamma nel buio

    Una candela accesa nel buio della notte e sogni di speranza per l’attesa di un giorno migliore.Una candela vibrante che, di man in mano, passa di cuore in cuore per illuminare le menti.L’umanità si spegne lentamente mentre l’ultima fiamma di gioia cerca di alimentarsi nella forza di un abbraccio.

  • Uncategorized

    Lo specchio dell’anima

    Fanciulla, che ti specchi nell’imperfezione curi l’anima con dedizione. Ti affanni per donare sorrisi e baci, ma per te, piangi e taci. Fanciulla, che ti specchi nell’altrui cuori vivi sognando favole a colori. Ricerchi giustizia e pace, così ogni dolore si spegne e giace. Fanciulla, che nei tuoi occhi cerchi felicità accendi la luce e brilla di intensità.

  • Uncategorized

    Angela Donatelli – Mi vestivi di nero velluto/Persefone

    Salve amici di penna, anche oggi vi presento Angela Donatelli che sarà presente all’evento di Roma, Libri & Benessere. Scopriamo insieme questa sorprendente autrice. Persefone è la seconda silloge poetica di Angela Donatelli. L’autrice, oltre a scrivere poesie, si dedica con passione ad altre forme artistiche: è anche pittrice e performer, s’interessa di musica e di teatro. Questo eclettismo ha ripercussioni positive nei suoi versi, che sono armoniosi e musicali, capaci di creare suggestioni ed evocare immagini.La poesia di Angela Donatelli è a tinte forti e gioca sui contrasti, esattamente come la sua pittura. L’elegante copertina mostra un dipinto dell’autrice che rappresenta una donna  giovane donna immersa nella natura, uno…

  • Uncategorized

    Piove dentro me

    Persa. Avvolta da un flebile lembo di stoffa, nuda nell’anima, ricca nel cuore e sola negli occhi. Persa. In un fiato che si scontra contro un vetro e rinasce in una gocciolina che scivola verso il basso. Persa. Nel gelo di un mattino che ha smesso di essere primaverile. Persa.

  • Uncategorized

    Gentildonna

    Indifesa, come la notte. Gelide ali che stringono il buio. Sola, spaventata. Al riparo dalla luna, in attesa. Avvolta tra misteri e silenzi. Indifesa, come la notte. Come un occhio vivo che vigila sulla vita.

  • Uncategorized

    L’ultima volta

    Di folli notti restarono lacrime sparse, gementi sussurri morirono nel buio. Ah, se il mondo potesse ascoltare quei baci! Ah, se il fuoco si potesse alimentare con le nostre parole! Mai più giacemmo… mai più ci amammo. Di folli pazzie, solo un addio ruppe gli argini.

  • rubrica letteraria

    Il mio girotondo di emozioni di Elenia Stafani

      Salve amici di penna. Eccoci qui, con la nostra rubrica settimanale a presentarvi la raccolta di poesie e pensieri intitolata “Il mio girotondo di emozioni” dell’autrice Elenia Stefani. Potete contattare l’autrice qui: FACEBOOK INSTAGRAM LINKEDIN PINTEREST Per l’acquisto del libro possote scrivere direttamente in privato sui social o una mail a info@eleniastefani.com Oppure: http://www.tarantola.it/casaeditrice_scheda.asp?ID=5157 A seguire la nostra intervista. “UN LIBRO NON SI GIUDICA DALLA COPERTINA… O FORSE Sì?” Come è nata la cover del tuo libro? È frutto della tua immaginazione o, nel caso il libro sia legato a una CE, hai collaborato con chi ha progettato la copertina del tuo romanzo? Il mio libro è edito da…

  • Uncategorized

    Il bacio

      Resta con me a sognare di poesie mai scritte. Tienimi sul cuore, come d’estate a piedi nudi in riva al mare e cantiamo insieme di parole che raccontano di noi. Baciami ancora per ricordarci quanto è semplice sorridere per noi.  

  • Uncategorized

    L’addio

    Ho visto il giorno del tuo addio e ho sperato che tu ti voltassi, per un sorriso ancora. Ho immaginato di parlarti di nuovo, per raccontarti di me, delle mie paure, dei miei successi. Ti ho stretto forte la mano e la tua ultima lacrima scivolava via. Ho desiderato ancora di sentire i tuoi rimproveri mentre il resto del mondo se ne fregava che stesse ancora piovendo. E mentre il sole scompariva dietro le nuvole, la mia luce si spegneva nell’oscurità della terra. Ho visto il giorno del tuo addio e so che mi aspetterai.

  • Uncategorized

    Sotto mentite foglie

    Nacqui fiore del deserto, arido alla ricerca di un’oasi di speranza. Un cuore in tumulto, con i petali secchi.   Nacqui come fiore del dolore. Mi dissetavo di lacrime salate.   Nacqui fiore colorato. Passavo di man in mano, regalando sorrisi a chiunque.   Nacqui fiore di festa. Ero il dono di un innamorato, di un figlio, di un padre. Ero il ricordo di un giorno da cerchiare sul calendario.   Nacqui ancora, cambiai forme, trasformai le emozioni, conobbi nuovi paesaggi.   Attraversai tutti gli stati dell’evoluzione, fino a comprendere che ogni mio più piccolo gesto, ogni mio petalo era l’oasi del deserto, il fazzoletto che asciugava le lacrime, un…